seo
Web

Come posizionare il proprio sito web

Se ti stai chiedendo come Posizionare il Proprio Sito Web, sei arrivato nel posto giusto al momento giusto. Siamo quasi nel 2018, e com’è possibile posizionare un sito in prima pagina?

Ti spiegherò i metodi più adeguati, affinché tu possa indicizzare correttamente il tuo sito su Google. Naturalmente ci vogliono strategie efficaci, ma prima di ogni cosa occorre studiare la base per poter cominciare.

Posizionare il Proprio Sito Web in 4 step

1. Scegli le parole chiave da inserire all’interno del sito

Il primo passo da compiere per posizionare il proprio sito web è quello di scegliere accuratamente le parole chiave, con cui ti posizionerai sui motori di ricerca.

A questo punto ti starai chiedendo “come scegliere le parole chiave?”. Per farlo ci sono diversi metodi a disposizione che ti permetteranno di farlo, eccone qualcuno:

  • SeoZoom: con il piano gratuito potrai provare e vedere in anteprima dei risultati limitanti. Con quello a pagamento avrai a disposizione tantissime funzionalità che ti permetteranno di fare ricerche molto approfondite.
  • SemRush: anch’esso ha il piano gratuito ed uno a pagamento, un tool online molto completo che ti consentirà di rendere il tuo progetto unico sotto ogni aspetto della SEO.
  • Google Keyword Planner: qualche tempo fa il tool era gratuito, da un po’ di tempo per poter fare la ricerca bisogna prima creare e avviare delle campagne pubblicitarie.

La logica sarebbe quella di scegliere quelle parole chiave molto ricercate. Il contro di tale operazione è che più la gente ricerca una keyword, maggiore è la concorrenza e quindi è più difficile posizionarsi in prima pagina.

Scegliendo una ricerca mensile più bassa, nel caso in cui tu facessi un buon lavoro di ottimizzazione, le possibilità di finire primo su Google sono alte. Naturalmente il traffico sarà relativo a quanta gente cerca con quelle keyword.

Il consiglio che ti do è di ricercare parole chiave con bassa concorrenza, e soprattutto puntare sulle long tail. Ovvero parole più lunghe e ben definite.

2. Prepara contenuti performanti: ottimizza on-page

Content is king“, quante volte lo avrai sentito dire o letto nei vari blog? Eppure è così, i lettori vogliono leggere contenuti di valore, altrimenti non avrebbe alcun senso scrivere un articolo senza un fine logico.

Una delle tecniche SEO più avvincenti è l’ottimizzazione on-page. Se utilizzi un CMS per comodità o semplicemente perché non conosci il codice, non c’è alcun problema. Infatti si può benissimo posizionare un sito WordPress seguendo le tecniche che sto per svelarti.

Innanzitutto inserisci la parola chiave che hai scelto, sia nel titolo che nel title tag affinché il tuo articolo si indicizzi.

Esempio: ipotizziamo che tu abbia scelto come parola chiave “come vincere al lotto“. Ecco un esempio di titolo ottimizzato: “Quali sono i metodi per vincere al lotto”.

Naturalmente non è obbligatorio inserire la Keyword esatta, infatti potrai invertire anche le parole, Google capirà il contenuto che stai affrontando.

3. Scalare la Serp: gli altri fattori influenti

  • Link interni: più ce ne sono, soprattutto se sono correlati tra di loro, migliore sarà il tuo sito agli occhi di Google.
  • Tag, categorie e descrizioni: individua e migliora per ogni tipologia appena citata, questo ti consentirà di avere un sito chiaro e gli spider del motore di ricerca non avranno grosse difficoltà.
  • Url semplici: utilizzare url lunghi e complessi non ti servirà a niente. Piuttosto punta sulla semplicità e sull’essere diretti.
  • Imposta un buon menù: il menù dev’essere semplice e chiaro, non inserire troppe pagina ma sii più chiaro possibile.
  • Velocità del sito web: più veloce è il tuo sito internet, migliore sarà la permanenza degli utenti, che non si stancheranno di attendere il caricamento per tanto tempo.
  • Google My Business e Maps: inserisci il sito sia su My Business che su Maps, per avere una vetrina ben esposta a milioni di utenti online.

4. Link building: perché è importante?

I backlink sono estremamente importanti, essi non sono altro che dei collegamenti ipertestuali, ovvero un testo cliccabile.

Un fattore SEO che influisce il posizionamento di un sito internet è la Link Building. Ovvero una strategia che ha come obiettivo quello di inserire più backlink possibili su siti autorevoli, che riportino al nostro sito da indicizzare.

Più link otteniamo da piattaforme web di un certo livello, maggiore sarà la possibilità di apparire autorevoli agli occhi di Google.

Una volta appreso il concetto, ti domanderai: “come faccio a fare Link Building?”

  1. Cerca le migliori directory per iscrivere il tuo sito in uno di esse;
  2. Inserisci il tuo sito in alcuni comunicati stampa;
  3. Registra il tuo sito internet nei forum autorevoli;
  4. Valuta la possibilità di investire qualche euro per acquistare guest post di alta qualità
  5. Utilizza i blog degli altri, commentando e inserendo con il buon senso (senza fare spam), il link al tuo sito;

Presta attenzione all’ultima pratica, così come in tutte, se Google riconosce che stai facendo azioni di SPAM, naturalmente sei più vulnerabile alla penalizzazione.

Per evitare ciò, non forzare o ripetere sempre la stessa keyword e non inserire link inutili e sparsi per il web, senza un filo logico.

Quelli che ti ho illustrato sono i fattori che ti permetteranno di arrivare ai primi posti, non è certamente un gioco da ragazzi, ma con un po’ di impegno, tanta volontà e soprattutto studio, anche tu riuscirai a scalare la Serp di Google.