camino-bioetanolo_800x420
Casa

Caminetto a bioetanolo quali sono i vantaggi? 

Fra le varie tipologie di camino per la casa che è possibile installare come sistema di riscaldamento (ma anche come complemento d’arredo) il caminetto a bioetanolo è sicuramente uno dei più affascinanti e interessanti, anche dal punto di vista estetico. Il caminetto a bioetanolo è una soluzione che non è adatta per riscaldare grandi spazi ma può efficacemente scaldare e arredare una piccola stanca, con il fascino della fiamma viva in vista grazie anche a caminetti di design che si integrano perfettamente con il contesto d’arredo.

I pregi del caminetto a bioetanolo possono essere ricercati, come apprendiamo dal sito https://www.caminobioetanolo.it/, innanzitutto nel suo stile unico ed inimitabile. Questi camini di design infatti mostrano la bellezza della fiamma e, seppure abbiano un potere riscaldante abbastanza limitato, sono ancora una perfetta soluzione per chi voglia scaldare al massimo 125 metri cubi di stanza ed al contempo arredare con gusto.

Il caminetto a bioetanolo non comporta inoltre fumi o gas di scarico pericolosi, quindi è anche una garanzia per la sicurezza, ed ha un’autonomia di molte ore. Andiamo alla scoperta dei vantaggi del caminetto a bioetanolo, e scopriamo in quali casi questa soluzione è la migliore sia per il riscaldamento che per l’arredo e quando invece è poco indicata.

Il caminetto a bioetanolo: i punti di forza

Il caminetto a bioetanolo è composto da uno scatolato che può essere composto da materiali diversi come per esempio metallo e vetro da fuoco. Nella parte sottostante si trova il serbatoio, dove è collocato il bioetanolo. Nella parte sovrastante, la camera, si sviluppa la combustione e quindi la fiamma. Questa parte viene realizzata con un vetro ad hoc per il fuoco, ed alcuni modelli di camino sono aperti nella zona superiore. All’interno del serbatoio si trova una pietra porosa che sporge dalla camera di combustione. L’alcol etilico sale attraverso la pietra creando la fiamma che sprigiona il calore. Non c’è comunque rischio di incendio dell’alcol stivato.

Il caminetto a bioetanolo è una soluzione con diversi vantaggi.

  • Ha una elevata efficienza di riscaldamento. Nonostante non sia indicato per riscaldare stanze con più di 125 metri cubi di aria, comunque permette di diffondere il calore in modo molto rapido.
  • Trasmette il calore con irraggiamento e convenzione.
  • Sono semplici da installare.
  • L’energia e la combustione del caminetto a bioetanolo sono completamente pulite, sono sicure, e non sono inquinanti.
  • Il caminetto a bioetanolo non richiede l’installazione di una canna fumaria ma semplicemente il ricambio dell’aria dopo qualche ora di funzionamento. Non servono opere murarie e quindi il caminetto a bioetanolo può essere installato praticamente dappertutto e in maniera molto semplice e veloce.
  • L’effetto del design è superlativo, soprattutto per i modelli trasparenti che permettono di godere, oltre del calore, anche dell’effetto fiamma libera che è molto affascinante e che riscalda l’ambiente.
  • Non hanno bisogno di manutenzione e pulizia periodica perché il riscaldamento a base di bioetanolo non crea alcun sottoprodotto solido.

Inoltre il caminetto a bioetanolo è una soluzione altamente personalizzabile perché è possibile optare per modelli diversi, come:

  • il caminetto tradizionale. Può essere incassato nel muro, in una parete, per un effetto grafico ed estetico davvero superlativo.
  • Caminetti sospesi. Sono agganciati al soffitto per mezzo di due tiranti di metallo.
  • Il caminetto ad isola. Sono appoggiati al pavimento e bloccati, per esempio al centro della stanza che si intende scaldare.

L’unico svantaggio del caminetto a bioetanolo consiste nel fatto che non si tratta della soluzione idonea per riscaldare delle stanze grandi e per un lungo periodo di tempo. Sono ideali per riscaldare circa 3-4 ore al giorno delle zone contenute come stanze e case da massimo 40 o 50 metri quadrati e vanno bene in zone dal clima temperato anche durante l’inverno.