biotecnologie per la tutela dei prodotti tipici italiani
Scienza

Biotecnologie per la tutela dei prodotti tipici italiani

Le parole biotecnologie e organismi geneticamente modificati sono sovente associate alla paura che la scienza e l’agricoltura moderna sconvolgano la nostra alimentazione e le tradizioni alimentari che sono parte importante della nostra storia e cultura.
Ma è veramente così?
In questo volume autorevoli studiosi spiegano cosa siano le biotecnologie vegetali e come proprio da esse possa venire un aiuto importante per salvaguardare il patrimonio economico e culturale legato ai prodotti vegetali tipici italiani.

Barbara Basso – Ricercatrice del Consiglio Nazionale delle Ricerche, docente di Biologia Vegetale presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Milano.
Dario Casati – Professore Ordinario, docente di Elementi di Economia, corso di Laurea in Biotecnologie Agrarie Vegetali, Università di Milano; Prorettore dell’Università di Milano.
Dario Frisio – Professore Associato, docente di Economia Agraria, corso di Laurea in Biotecnologie Agrarie Vegetali, Università di Milano.
Benito Giorgi – Ricercatore nel campo della citogenetica e del miglioramento genetico dei cereali, è stato Direttore del Laboratorio di Genetica Vegetale e Direttore della Divisione di Miglioramento Genetico dell’ENEA.
Luigi Rossi – Direttore della Macrostruttura ENEA “Biotecnologie e Protezione della Salute e dell’Ecosistema” e Presidente della FIDAF (Federazione Italiana Dottori in Agraria e Forestali).
Francesco Sala – Professore Ordinario, docente di Botanica e Biotecnologie Vegetali, Facoltà di Scienze, Università di Milano; Direttore degli Orti Botanici dell’Università di Milano.

Articoli correlati