macchina-per-aerosol_800x533
Salute

Aerosolterapia: tutto quello che devi sapere

La terapia con l’aerosol prevede l’inalazione di farmaci sospesi i quali si depositano direttamente a livello polmonare, garantendo una efficace cura in caso raffreddori, infiammazioni ed infezioni delle vie aeree. L’aerosolterapia viene eseguita tramite un apparecchio per aerosol a ultrasuoni o a pistone che riduce i farmaci somministrati in piccolissime particelle con una dimensione compresa tra 0.5 e 5 micron. Queste gocce nebulizzate dal dispositivo riescono a raggiungere e a depositarsi nelle vie aeree più periferiche, trattando così in modo mirato ed efficace le patologie respiratorie.

DIFFERENZE TRA SOLUZIONE IPERTONICA E SOLUZIONE ISOTONICA

Per l’utilizzo di un dispositivo per l’aerosol si possono utilizzare due tipologie di soluzioni che si differenziano secondo la concentrazione di sali presente nella soluzione stessa rispetto alla concentrazione di sali presente naturalmente nelle cellule del nostro organismo, la quale è di circa 0,9%. Il farmaco va inserito nell’ampolla di aerosolizzazione presente sull’apparecchio aerosol secondo dosi prescritte dal medico di fiducia.

Nelle soluzioni isotoniche, conosciute anche come soluzioni fisiologiche, la concentrazione di sale è uguale a quella del nostro organismo, dunque l’aerosolterapia tramite questo farmaco è meno invasiva ed è adatta per lavaggi nasali quotidiani. La soluzione fisiologica è indicata per la rimozione delle impurità e di altri fattori inquinanti dal naso.

La soluzione ipertonica invece presenta una concentrazione di sali maggiore (intorno al 2,3%) e questo comporta una terapia più invasiva. Infatti quando la soluzione ipertonica entra in contatto con la mucosa nasale le cellule, grazie ad un processo chiamato osmosi, liberano acqua e fanno diluire il muco, favorendone l’espulsione dal naso.

APPARECCHI PER AEROSOLTERAPIA

I dispositivi per l’aerosolterapia sono molto facili da utilizzare e sono principalmente di due tipi: a pistone oppure ad ultrasuoni.

L’apparecchio per aerosol a pistone è composto da un compressore e da un’ampolla. Il compressore genera un getto d’aria all’interno dell’ampolla tale per cui quando le gocce del farmaco ne vengono colpite si dividono in finissime particelle. Questo tipo di aerosol è abbastanza economico, resistente ed efficace, tuttavia per alcuni pazienti, ad esempio i bambini, potrebbe risultare troppo rumoroso.

Il nebulizzatore ad ultrasuoni invece dispone di un cristallo che trasforma l’impulso elettrico in vibrazioni, le quali riescono a dividere la soluzione in particelle piccolissime. Questi dispositivi sono rapidi e ultrasilenziosi e sono particolarmente indicati in caso di catarro.

Per l’inalazione del farmaco si possono utilizzare due accessori, a seconda delle esigenze:

  • Mascherina: si attacca al volto coprendo bocca e naso e si inizia la terapia. È l’accessorio più comodo da utilizzare, anche se in realtà non permette una nebulizzazione diretta in quanto il farmaco può depositarsi anche sulla pelle del viso. Inoltre inalando la soluzione tramite il naso l’effetto terapeutico di questa viene limitata dal naso stesso, poiché la mucosa nasale agisce da filtro.
  • Boccaglio: è un accessorio che permette l’inalazione tramite la bocca, anche se non è comodissimo. Si deve infatti trattenere il boccaglio tra i denti, con bocca e naso chiusi. Tuttavia una terapia tramite questo accessorio è più mirata ed efficace in quanto, non passando per il naso, il farmaco non viene filtrato e raggiunge direttamente le vie aeree.

VANTAGGI AEROSOLTERAPIA

La terapia con l’aerosol, grazie alla suddivisione del farmaco in particelle sempre più piccole, permette di curare selettivamente le vie aeree alte, medie o basse. Inoltre è molto efficace per la cura di malattie respiratorie come sinusite, rinite, tonsillite, bronchite o faringiti, ecc.

L’apparecchio per aerosol può essere utilizzato anche miscelando più farmaci compatibili, nonché consente di personalizzate il dosaggio del farmaco adattandosi alla gravità dei sintomi e all’età del paziente.

Tuttavia il vantaggio maggiore dell’aerosolterapia è che non richiede una grande cooperazione da parte del paziente che deve eseguire la terapia. Dunque l’aerosol può essere utilizzato tranquillamente anche quando il soggetto da trattare è un bambino oppure un anziano non autonomo.